Più casi di schizofrenia da cannabis

In un nuovo studio, i ricercatori hanno riscontrato un drammatico aumento della schizofrenia legata all'uso di cannabis negli ultimi 25 anni. Cosa hanno scoperto ? Una novità che notizie che sconvolge gli amanti della cannabis. Tutti in questo articolo !

Aumento dei consumi: effetto di una possibile legalizzazione del canabis?

La Francia è ora il paese europeo con il maggior consumo di cannabis. Secondo i dati dell'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT), nel 2017, l'11% dei francesi, ma anche delle donne spagnole, ha utilizzato questo farmaco almeno una volta all'anno. Anche se è in corso un esperimento su una possibile legalizzazione, alcune preoccupazioni continuano a crescere intorno alla cannabis. Un nuovo studio pubblicato su Jama Psychiatry rivela infatti un aumento significativo dei casi di schizofrenia legati all'uso di cannabis negli ultimi 25 anni.

Per raggiungere questa conclusione, i ricercatori hanno studiato casi di schizofrenia in Danimarca negli ultimi 25 anni. Hanno utilizzato specificamente le informazioni di persone nate prima del 31 dicembre 2000, che avevano 16 anni o più a un certo punto tra il 1 gennaio 1972 e il 31 dicembre 2016. Tra i dati raccolti, il lavoro ha evidenziato la proporzione di diagnosi associate a un disturbo legato al consumo di cannabis. Apprendiamo che la quota di casi di schizofrenia causati dalla cannabis era del 2% nel 1995. Cinque anni dopo (2000), questa cifra era salita al 4%, poi all'8% nel 2010.

L’errore di pensare che l’uso di cannabis è innocuo

Hjorthoj, professore al Copenhagen Research Center for Mental Health e autore principale dello studio, spiega: “Penso che sia molto importante utilizzare sia il nostro studio che altri studi per evidenziare che l'uso di cannabis non è innocuo. Sfortunatamente, ci sono alcune prove che suggeriscono che la cannabis è sempre più vista come una sostanza in qualche modo innocua. È un peccato, perché vediamo collegamenti con schizofrenia, funzioni cognitive inferiori, disturbi da uso di sostanze, ecc. ”